Il finale di serie perfetto non esis… la recensione della terza e ultima stagione di Anne with an E

“Il finale di serie perfetto non esiste”. Le ultime parole famose.

La verità è che c’è una sottile differenza tra il desiderio che qualcosa non finisca mai e la possibilità che un racconto incline a durare per sempre finisca per forza male.

In questo senso Anne with an E riesce a sorprenderci ancora una volta, regalandoci un finale di stagione che tira in maniera credibilissima tutte le fila tessute fin qui, chiudendo con cura e rispetto per i dettagli e dei personaggi gran parte delle porte aperte, se non tutte.

L’adattamento televisivo Netflix delle avventure di Anne di Green Gables è propositivo, ottimista, speranzoso, ma non per questo irrispettoso della storia (vedi il destino della povera Ka’kwet) e delle storie dei suoi personaggi.

Sembra quasi di avere a che fare con una serie di Angela Kang, “la mia misericordia prevale sulla mia ira”. E qui prevale sul serio.

C’è posto per tutti nell’happy ending di Anne with an E. C’è posto per le seconde possibilità, l’amore e il rispetto verso gli altri e soprattutto verso se stessi, ma anche per il futuro, la vita (e la morte), la libertà di espressione e una costellazione di buoni propositi storicamente non propri della generazione dei personaggi rappresentati. Propositi che risultano tuttavia sempre verosimili in quanto veicolati e giustificati proprio dalla presenza di Anne, mosca bianca in un luogo incantevole ma schiavo dei suoi tempi e che con la sua allegria e la sua fantasia sembra capace di contagiare il mondo intero.

Anne with an E si conferma uno dei period drama più delicati e avvolgenti di sempre e anche stavolta, come per la prima e la seconda stagione, ho avuto bisogno di almeno un paio di episodi prima di ricalarmi nel mood giusto e riuscire a mandare giù l’ingente dose di zucchero, di magia e semplicità di cui la serie è intrisa, fino a diventarne completamente partecipe, dipendente e infine assuefatto.

In tutto questo stiamo parlando di una serie cancellata prematuramente. Scriveva a novembre Moira Walley-Beckett, ideatrice e showrunner della serie:

Anne with an E, co-prodotta tra Netflix e CBC, punta a ciò cui dovrebbero ambire tutti gli adattamenti: dire qualcosa in più rispetto all’opera di partenza. Sempre citando la Walley-Beckett: “There’s no sense in reinventing a classic novel if you’re not going to make it relevant for today’s audience”. Il valore aggiunto della serie all’opera originale è uno dei motivi che ha lasciato più basiti i suoi Kindred Spirits (‘spiriti affini’, come l’autrice chiama il fandom di Anne with an E)

A innumerevoli ashtags e campagne a sostegno del rinnovo della serie è seguito il contributo di Ryan Reynolds. L’attore, dopo avere finito di vedere la terza stagione, ha sentenziato con un tweet:”You guys might want to renew Anne with an E. Unless ‘final season’ is just a fun way of saying ‘halfway point”.

Netflix non sembra intenzionata a cambiare idea sul rinnovo, tuttavia il sostegno che si è creato attorno alla serie, vera e propria estensione oltre lo schermo dell’energia e del furore della nostra Anne, non passa certo inosservato e fa di queste tre stagioni un’esperienza degna d’essere riconosciuta e ricordata per l’incredibile cast, un’ambientazione da sogno e una storia che non nasconde quello che ha da dire, che sarebbe stato ancora tanto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: