NOPE. La recensione del terzo lungometraggio di JORDAN PEELE

Ci sono pochi autori cinematografici ad oggi che sembrano mancare ben pochi colpi come Jordan Peele.

Nato come attore comedian e approdato all’horror come regista e sceneggiatore nel 2017 con Get Out, seguito nel 2019 da Us, Peele si aggiudica ad oggi un importante ruolo nel panorama di genere.

Con Nope l’autore conferma l’interesse a espandere il canovaccio di temi e tecniche esplorato e sperimentate con i suoi film precedenti, raggiungendo però qui un livello superiore per commistione di generi, potenza visiva (grazie anche al contributo di Hoyte van Hoytema, direttore della fotografia noto collaboratore di Nolan) e accessibilità narrativa, contrariamente a quanto potesse sembrare date le scelte di marketing e l’alone di mistero creato attorno alla trama.

Nope è da considerarsi un blockbuster a tutti gli effetti, o quasi. L’autorialità di Peele consente ancora una volta di intrattenere, ma anche di invitare ciascuna fascia di pubblico a soffermarsi su determinati spunti di riflessione.

Emerge ancora una volta l’intenzione dell’ex attore comico di parlare di America e black people, quindi di società americana e razzismo nei confronti di una delle sue principali minoranze.

I protagonisti di Nope sono Oj (Daniel Kaluuya, già protagonista di Get Out) ed Em Haywood (Keke Palmer), fratello e sorella eredi dell’azienda di famiglia dopo la scomparsa del padre a causa di un misterioso incidente. La genealogia dei due protagonisti affonda le radici nella nascita del cinema e in particolare nella figura del famoso fantino nero immortalato da Eadweard Muybridge. La sequenza Animal Locomotion del 1887, la nota ai più tra i lavori di Muybridge, è famosa per avere fatto da progenitore tanto della fotografia moderna quanto del cinematografo, che sarebbe nato ufficialmente da lì a un decennio.

Nella finzione di Jordan Peele quell’anonimo fantino nero altri non è che il quadrisavolo dei fratelli Haywood e su cui la famiglia avrebbe basato l’intera impresa di addestramento di equini per l’industria cinematografica.

L’antifona cui l’autore vuole sottoporci non è irraggiungibile: così come in altri settori, anche la storia del cinema ha fin dal principio rimosso e oscurato il contributo dei neri alla sua realizzazione.

[…] We like to say, since the moment pictures can move we had skin in the game.

Emerald “Em” Haywood

A differenza di Get Out e Us, tuttavia, il tema razziale qui è meno insistente e la riflessione sociale sembra investire una più vasta fetta di rappresentanze.

Nope è infatti anzitutto un film sull’ostinazione e la necessità della società americana e quindi degli americani (ma potremmo dire dell’essere umano) indistintamente da ceto, classe o colore della pelle, di dover spettacolarizzare a tutti i costi la realtà e quindi, come passaggio successivo ma preventivato, monetizzarla. Non è la prima volta che Peele contrappone ai vizi dell’essere umano la figura dell’animale, che qui prende la forma di destrieri indomabili, di un primate impazzito e di una misteriosa creatura che divora tutto, tranne oggetti inorganici e quindi artificiali.

Ciascun capitolo in cui è suddiviso il film è nominato esclusivamente con i nomi propri degli animali protagonisti (Ghost, Clover, Gordy, Lucky e Jean Jacket) e non è un caso che il film si apra con minacciose parole attinte dalla Bibbia.

“I will cast abominable filth upon you, make you vile, and make you a spectacle.

Nahum, 3:16

Da notare che già in queste primissime parole vediamo apparire la parola “spectacle”, essendo per l’appunto nello spettacolo e nella spettacolarizzazione della realtà che va cercata la chiave di lettura principale del film.

Un passo della bibbia era presente anche all’inizio di Us, ma qui il verso scelto è forse ancora più didascalico e sancisce fin da subito il destino riservato a quei personaggi che non riusciranno a staccare gli occhi dal cielo/dallo spettacolo e che anzi tenteranno di catturarlo a tutti i costi.

Molti di questi fili vengono sciolti in particolare nel capitolo Gordy, in cui criptici indizi di inizio film vengono svelati in un raccapricciante racconto quasi a sé stante, relativi a un massacro in diretta televisiva per mano di uno scimpanzé, e soprattutto dove i personaggi più ingordi nel raggiungimento dei loro scopi, tra chi si crede un prescelto e chi si crede un dio, trovano la loro fine.

Come abbiamo anticipato si susseguono anche e in larga parte scene di puro intrattenimento che fanno il loro lavoro e lo fanno bene. Se nella prima parte del film riconosciamo l’amore dell’autore per il cinema horror, nella seconda parte capiamo di essere di fronte a un blockbuster di fantascienza o, come detto, a un connubio dei due generi.

Nope è un film che evoca fantasmi cult (il paragone a tratti con Tremors o Maximum Overdrive nella mia mente è stato inevitabile) e non lascia nulla indietro pur non scomodandosi a spiegare ogni cosa.

È anche una dichiarazione di amore e preoccupazione per il mondo del cinema alla pari di un Once Upon a Time… in Hollywood, ma ancora una volta è soprattutto una lettura da parte di Jordan Peele della natura e dei rapporti umani che a tratti prevalgono nel tentativo dei protagonisti di portarsi a casa il loro Oprah Shot.

Questo mese al cinema

E a te è piaciuto il film?

Leggi anche

CRIMES OF THE FUTURE. La recensione del nuovo film di DAVID CRONENBERG

Era otto anni che il regista canadese David Cronenberg non usciva nelle sale con un nuovo film. Maps to the Stars segnava nel 2014 quello che molti ritenevano il punto di arrivo del longevo autore, che dopo avere abbandonato i temi principali della sua filmografia, o dopo averli trasformati, sembrava non avere più molto da […]

BOX OFFICE. I risultati dell’ultimo WEEKEND di agosto: è record negativo

Con lo scorso Box Office e grazie al decollo da record di Top Gun: Maverick avevamo ben sperato, ma i risultati dell’ultimo weekend di agosto gettano ombre sull’immediato futuro del cinema in sala. No, il nemico non è lo streaming. Lo è stato negli ultimi due anni, ma ora per molti rischia di diventare un […]

2 risposte a “NOPE. La recensione del terzo lungometraggio di JORDAN PEELE”

  1. Un film meraviglioso che dimostra la maturazione completa di Peele come regista. La critica sociale è dura ma non ingombrante: una vera rarità. Visivamente è uno spettacolo. Ogni frame potrebbe essere incorniciato.

    "Mi piace"

  2. […] mia sorpresa Nope di Jordan Peele lascia prematuramente la classifica, mentre all’ultimo posto, con 2.32 […]

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un’icona per effettuare l’accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s…