Perfectly Splendid. La recensione di The Haunting of Bly Manor

It’s a love history, not a ghost story. Un’importante premessa conferisce il giusto tenore al commento che stiamo per fare su The Haunting of Bly Manor, la seconda stagione dell’omonima antologia firmata Mike Flanagan (Gerald’s Game, Oculus, Doctor Sleep) che ci riporta tra le mura di un sontuoso maniero per esplorarne e scoprirne le porte nascoste, gli specchi coperti e i bauli in soffitta.

Da Shirley Jackson a Henry James, su carta facciamo un salto indietro di mezzo secolo. Haunting of Bly Manor si svolge tuttavia in pieni eighties e, a differenza della prima stagione, le storyline non sono scandite esclusivamente su più tempi, bensì su più ricordi.

Quello che risulta fondamentale è arrivare ai titoli di coda dell’ultimo episodio e avere capito a cosa si è assistito dal momento in cui nulla è abbandonato al caso, niente è lasciato in sospeso e tutto viene puntualmente spiegato. Questo non ammortizza la suspence o lo spavento dal momento in cui ciò a cui assistiamo non si finge un racconto del terrore, non una storia di fantasmi. Quella che ci viene raccontata è una storia d’amore.

Perfectly Splendid. Torna la delicatezza di Hill House, la composizione dei The Newton Brothers (gli stessi di OculusOuija: Origin of EvilExtinctionLife of CrimeThe Bye Bye Man), torna il dramma mascherato da sovrannaturale e tanti volti ormai familiari. Tra questi, in ordine, ritroviamo Carla Gugino (musa di Flanagan, Olivia Crain in Hill House), Victoria Pedretti (protagonista assoluta, l’indimenticabile Nell Crain in Hill House), Henry Thomas (Eliott di E.T, Hugh Crain in Hill Huse), Oliver Jackson-Cohen (Luke Crain in Hill House) e, ultima ma non ultima, l’inattesa e sorprendente Kate Siegel (Theo in Hill House).

La fidelizzazione instaurata dal formato antologico e il ripetersi dei principali interpreti trova un precedente in American Horror Story, altra serie televisiva di forte stampo autoriale ed eclettico (ad oggi Ryan Murphy lo trovi coinvolto ovunque) giunta quest’anno alla sua decima stagione. Al contrario di AHS, che possiamo ormai dare per arenato da due stagioni a questa parte, la familiarità del filone The Haunting non sembra tuttavia scadere nel barocco e nella stagnante sfarzosità della visione e nell’esaltata autocelebrazione di chi la offre. Ad oggi, da Hill House a Bly Manor, in Flanagan vediamo tutt’altro che uno scavalcamento dei personaggi da parte dello star system. Senza scomodare la Siegel, al cui personaggio dedicheremo il giusto spazio a seguire, basti pensare a come Victoria Pedretti smette di essere Nell nel momento esatto in cui calca la scena nei panni della giovane istitutrice Dani.

Il genere narrativo è anche qui, come per la prima stagione, nient’altro che un veicolo. Ciò a cui assistiamo, lo abbiamo detto, non è una serie televisiva horror. Come abbiamo imparato a concepire con l’avvento di nuovi player non stiamo parlando nemmeno di una serie prettamente televisiva. Ascoltiamo Flanagan che ci racconta Carla Gugino che ci racconta un fedele adattamento di James, un adattamento che come per i migliori adattamenti non si limita a una fredda trasposizione da medium a medium, bensì a una declinazione originale del testo di partenza. In Hill House si trattava della rappresentazione del superamento del lutto e ogni personaggio rappresentava una delle rispettive fasi dello stesso. Con Bly parliamo certamente di una narrazione meno lineare ma al tempo stesso più trasparente. Un po’ come un fantasma.

I’m Hannah Goose. Hill House ci ha insegnato ad attendere e a temere i metà stagione. La Lady dal collo spezzato è ancora oggi una ferita aperta per molti spettatori, i quali erano pronti a tutto tranne che ad affrontare nuovamente il medesimo dolore con il personaggio interpretato da T’nia Miller (recentemente in Years of Years di Russel T Davis) vero deserve better player di questo nuovo giro di vite.

Miller è Hannah Groose, l’introspettiva governante di Bly Manor che dal primo momento in appare in scena ci lascia la strana sensazione di sospensione rispetto a tutto ciò che le accade attorno, la stessa che aleggia per tutta la tenuta. Per nulla nascosto e impossibile da non notare il fatto che la donna, a partire dal primo episodio, rifiuti volentieri i pasti, si isoli come un gatto morente e soprattutto appaia, ad ogni scena, sempre più distratta. Tutto questo accade perché Hannah scivola via.

Hannah scivola come scivolano tutti i fantasmi sospesi nel pozzo gravitazionale tenuto in vita dalla padrona di casa, anime in pena che percorrono gangli vitali della propria esistenza, ricordi dove trovare rifugio e impossibili da ignorare. Comunque la si voglia vedere si tratta di punti di non ritorno nella vita dei personaggi, mondi prigione (nel caso di Peter Quint e Miss. Jassel) o bivi relazionali come nel caso di Hannah.

She would sleep, she would wake, she would walk. Rispetto agli anni Novanta oggi risulta una vera e propria impresa trasformare una serie in un cult. Ancora più difficile è certamente trasformare in un cult un singolo episodio. Con solo un target più ampio di spettatori ci sarebbe andato senz’altro vicino Bly Manor con l’episodio The Romance of Certain Old Clothes, il penultimo della stagione.

Kate Siegel è Viola Davis, la padrona di casa che per lungo tempo si rifiutò di morire e la cui tenacia e forza di volontà hanno fatto sì che anche a secoli di distanza la casa rimanesse influenzata dal suo eterno passaggio. Di fatto Viola è il primo fantasma a infestare Bly Manor e dopo di lei tutti coloro che hanno avuto la sfortuna di incrociare il suo cammino come Peter o morire entro i confini della tenuta. Dimenticata e senza volto, Viola è ormai poco più che una bestia nella giungla di vite che attraversano Bly Manor, non ultima quella di Dani il cui incontro con la Donna del lago cambierà per sempre le sorti degli abitanti della casa.

The Romance of Certain Old Clothes si presenta come ben più di uno stand alone esplicativo. Stiamo parlando di un mediometraggio ben confezionato che sarebbe godibile anche se fosse slegato dal resto delle storyline. L’omonimo racconto di James viene incastonato come un diamante prezioso al centro dello stesso che dà il nome alla serie, un crossover tra due racconti originariamente pubblicati a trent’anni di distanza l’uno dall’altro che fanno di Bly Manor e della serie The Haunting più in generale un prodotto ragionato e decisamente sopra la media di molti titoli presenti oggi in catalogo.

Peccato per alcune scelte meno coraggiose rispetto al racconto originale che avrebbero contribuito ad ampliare il divario tra le opere di Flanagan e gli autori a lui contemporanei. Ad oggi The Haunting si conferma senz’altro una serie che trascende i generi tradizionali e che porta lo spettatore a igenizzare lo sguardo nei confronti del racconto visivo, un proposito non indifferente e che solo grandi titoli, da trent’anni a questa parte, sono stati in grado o hanno anche solo provato a mantenere.

Aspettando Halloween – 31 film da paura per porre fine a un anno da incubo

Trick or treat, trick or treat: Give me some movies nice and sweet.

Per gli appassionati di questa festa anche nostra (sì, Giordano, sto guardando proprio te – ti sto guardando malissimo) Halloween è alle porte ormai da metà settembre.

Con la vigilia di ottobre, tuttavia, si iniziano a vedere immagini, percepire profumi e atmosfere che possono essere toccate con mano. Iniziano i giorni in cui io e la mia ragazza raccogliamo foglie secche ai Giardini Margherita di Bologna per decorare casa e iniziamo ad acquistare nuovi addobbi da aggiungere a quelli degli anni scorsi.

A ottobre la mia magione diventa una casa infestata, un rito colorato per esorcizzare e festeggiare la morte come parte della vita, il tutto condito con il consueto immaginario di zucche, ragnatele e würstel mummia che non si può non amare.

Tra le cose che adoro in assoluto di Halloween ci sono ovviamente i film e gli episodi a tema delle mie serie tv preferite. Se l’anno scorso ho quindi stilato un elenco di 10+1 film e serie da guardarsi aspettando Halloween, vorrei dedicare quest’edizione a chi come il sottoscritto è appassionato, tra le altre cose, dei più grandi titoli horror del cinema del passato e presente. Per questo Aspettando Halloween tenteremo dunque di fare le cose in grande e portare la lista a 31 film, uno per ogni giorno dal 1 al 31 ottobre, sulla falsa riga di quanto feci all’apertura del blog con il mio calendario dell’avvento.

Come sempre siete invitati a condividere i vostri film da paura con chi legge, nei commenti dell’articolo o sotto il post sui canali social. Allarghiamo la nostra ragnatela di consigli per la visione e guardiamo sotto il letto prima di dirci al sicuro … che l’incubo abbia inizio!

  1. 28 Days Later (D. Boyle, 2002)

Londra. A quattro settimane dall’esplosione di un misterioso e incurabile virus, un gruppo di sopravvissuti si mette in viaggio per cercare un rifugio sicuro.

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31

Aspettando Halloween – Not Today, Satan. 10+ serie e film a tema per ammazzare il tempo ad Halloween

Netflix’s Chilling Adventures of Sabrina e Stranger Things

A Greendale è come se fosse sempre Halloween. Questa la premessa fatta a partire dal primo teaser di Chilling Adventurers of Sabrina, il ritorno in pompa magna della teenager che ha stregato un’intera generazione nel meno fedele al fumetto live action anni Novanta. Premessa che non viene smentita per tutta la prima stagione composta da venti episodi divisi in due parti, dove i temi e il mood non vengono mai traditi, anzi, con lo scoppiettante season finale vengono solo rilanciati verso un’attesa seconda stagione.

Vera e propria serie evento è invece Stranger Things, che giunta alla sua terza stagione non abbandona la propria mission di rievocazione storica, culturale e di genere, attingendo a piene mani dal patrimonio cult del periodo anni Ottanta e in particolare alla cultura Geek, Horror e fantascientifica. Nella mia ultima recensione su Stranger Things mi sono soffermato su un leggero cambiamento di rotta rilevato nell’ultimo capitolo della saga: l’America verso l’ultimo decennio del primo millennio vista come un gioco truccato impossibile da smascherare. Palpitante senza ombra di dubbio l’attesa verso una quarta stagione che ha tutta l’aria di essere un punto di non ritorno a tutti gli effetti.

Tim Burton’s The Nightmare Before Christmas e Corpse Bride

Film di natale o film di Halloween? Su questa domanda probabilmente The Nightmare Before Christmas ha diviso generazioni di spettatori e, parola di chi scrive, messo a repentaglio amicizie durature. Difficile tuttavia immaginare il capolavoro d’animazione di Tim Burton come un film natalizio, laddove i protagonisti, gli abitanti del mondo di Halloween, e in particolare il Re delle Zucche Jack Skeleton, compiono incredibili peripezie per poi tornare allo stesso punto di partenza. Perché “nessun posto è come casa”, seppure conoscere e lasciarsi trasportare da quel cos’è? che si trova all’esterno del mondo ordinario può rappresentare una fantastica avventura e spalancare nuovi e magici orizzonti. In quanto proprietario di casa/blog posso dirlo: l’incubo prima di natale di Tim Burton è e sarà sempre un gioiellino di Halloween e, tuttavia, va visto in tutti i periodi dell’anno.

Nessun dubbia invece sull’appartenenza di genere di un film come Corpse Bride, tra gli ultimi colpi di genio di Burton prima di un inaspettato arresto produttivo e qualitativo che coinvolge alcuni tra i titoli più famosi dell’ultimo periodo, comunque non all’altezza di quelli che erano i suoi film fino a dieci anni prima. Corpse Bride fa piangere, ridere ed emozionare grandi e piccini, risaltando le capacità di Burton di esorcizzare la morte, rendendola più vivace della vita stessa.

Scream e Scream the TV Series

Adattamento o opera originale? Opera originale o adattamento? Ma soprattutto, qual’è il tuo film preferito? Il caso di Scream e del suo adattamento televisivo è uno dei pochi che può vantare un’intelligente continuità che gli garantisce un mantenimento dei punti cardine che hanno reso celebre la saga cinematografica di Kevin Williamson e Wes Coven. Va detto che Williamson aveva già in un certo senso riadattato il proprio stile alla serie anni Novanta Dawson’s Creek, ma con Scream: the TV Series la fama e il prestigio dei film, che all’epoca aprirono le porte all’horror post-moderno e metanarrativo cui oggi siamo molto più abituati, se non addirittura saturi, la sfida viene rilanciata a un livello se possibile ancora più alto, ovvero quello dei nuovi media e della serailità televisiva contemporanea.

Scream: the TV Series mantiene quindi le peculiarità della saga originale pur sovvertendone tratti altrettanto iconici (su tutti la maschera dell’assassino). L’adattamento non risente del salto generazionale proprio grazie a questa capacità di sopravvivenza del prodotto, della trasposizione mediale, fisica e testuale. Significativa la scelta di sostituire al nerd dei film Randy Meeks l’altrettanto appassionato dell’orrore Noah Foster, quindi alle regole del cinema horror le regole della serialità televisiva di genere, al terrore al telefono la brutale viralità della rete.

Nella sua relativa mediocrità qualitativa Scream: the TV Series ci ha visto giusto e ha colto, al contrario di tanti altri adattamenti, il cuore dell’opera originale. Resto personalmente di altro avviso sulla sedicente terza stagione della serie, che è in realtà una miniserie evento ed è decisamente un passo indietro rispetto alle precedenti. Proprio per la sua natura di evento televisivo, tuttavia, Scream: Resurrection può rivelarsi l’appuntamento perfetto per raccogliere un gruppo di amici la notte del 31… basta guardarsi le spalle, perché ricordate: l’assassino potrebbe essere chiunque.

Film per tutta la famiglia: Hocus Pocus, Casper, Scooby-Doo

Ci sono film sul tema che sono e restano ineguagliabili. Tra questi sicuramente Hocus Pocus, la caccia alle streghe per tutta la famiglia con le indiscusse protagoniste Bette Midler, Katy Najimy e una giovanissima Sarah Jessica Parker, nei panni delle malefiche ma irresistibili sorelle Winifred, Mary e Sarah Sanderson. Aleggia negli ultimi tempi una minaccia all’orizzonte circa il sequel di questo caposaldo del genere, possibilità che sento di non auspicare in partenza, bollando i tentativi di speculare su titoli di successo che basterebbe rilanciare nelle giuste sedi e nel periodo dell’anno adeguato.

Di diversa opinione sono per film che potrebbero benissimo sforare il periodo di Halloween e che divertirebbero comunque spettatori di ogni età. Tra alcuni invecchiati meglio e altri peggio, segnalo in ordine di affetto e, sento di doverlo dire, in ordine di qualità, gli adattamenti cinematografici di Casper e Scooby-Doo. Il primo mi ha letteralmente cresciuto, ne ho consumato la VHS e visto addirittura i cartoni animati. Del secondo ho seguito e seguo sempre volentieri le avventure animate della Misteri affini e all’epoca apprezzai anche il live action. Ad oggi, tuttavia, del film di Scooby-Doo non resta che un prodotto comunque piacevole da vedere, ma non certo memorabile.

Tutt’altro discorso vale per l’appunto attorno a Casper, decisamente più avvincente e delicato nello stile del racconto, in linea con la festività in oggetto e sempreverde per gli appassionati del genere.

Tutti e tre i film, Hocus Pocus, Casper e Scooby-Doo, restano comunque ottimi titoli consigliati per tutta la famiglia e perfetti da recuperare o rivedere proprio in questo periodo dell’anno.

Ryan Murphy’s AHS e Scream Queens

Se c’è una reginetta dell’horror dei tempi nostri, alla pari della miglior Jaime Lee Curtis, quella è certamente Ryan Murphy.

Autore ormai indiscusso e pluri-riconosciuto nel panorama seriale televisivo grazie al suo stile peculiare e distinto, tra il miglior trash di genere e il postmodernismo che abbiamo accennato parlando dello Scream cinematografico, Murphy vanta un fiorente numero di serie e miniserie l’anno, alcune di queste particolarmente apprezzate da pubblico e critica.

Tra queste spicca in pole position American Horror Story, antologia televisiva giunta ormai alla sua decima stagione e forse al suo tramonto, dopo una nona stagione (AHS: Apocalypse) che non definirei per nulla esplosiva o all’altezza degli standard cui lo show ha abituato le nostre papille. In un recente commento per Lost in A Flashforward ho provato a spiegare perché.

Punti di non ritorno a parte, AHS resta sicuramente una delle serie più iconiche e intelligenti dell’ultimo decennio. Intelligenza e consapevolezza che Murphy ha provato a trasmettere in un’altra serie, decisamente meno brillante ma comunque irriverente e in linea con i suggerimenti per la visione che stiamo provando e delineare. Parliamo di Scream Queens, della sua breve ma esilarante vita e della riscoperta di Emma Roberts, Scream Queen dal suo debutto nel genere per Scream4, dove la Roberts interpreta il Ghostface di turno, al suo ruolo di protagonista proprio in AHS, dove sembra toccare a lei e a Billie Lourd, anche lei protagonista di Scream Queens, il pesante fardello di mantenere viva l’attenzione degli spettatori nei confronti di una serie ormai orfana dei suoi volti più noti (prima Jessica Lange, ora Evan Peters e Sarah Paulson).

I film e le serie a tema sarebbero molti, e tanti ne avevo messi in programma da recensire e che sto guardando e riguardando in questi giorni. Tuttavia sono altrettanti gli Halloween che abbiamo davanti, quindi tempo al tempo e godiamoci anche quest’anno la nostra festa preferita … dolcetto o scherzetto? 🎃

Aspettando Halloween – The Haunting of Hill House, tutto il resto è confetti.

I’m at home. Se avete amato serie alla AHS Murder House o capolavori come The Shining, forse abbiamo quello che cercate.

Su qualsiasi medium le si decida di trattare, le haunted houses hanno ormai acquistato un valore archetipico per il genere horror: il grande schermo ha fatto del tema un filone di rivisitazioni, negli Stati Uniti il dark tourist si ciba di pane e gite degli orrori, la televisione ne ha partorito negli anni contenitori pomeridiani, ma è soprattutto la letteratura che vanta il ruolo di pioniere del sottogenere.

Tra i romanzi e i racconti più celebri, insieme al sempre terrorizzante The Fall of the House of Usher, si posiziona proprio lei: Shirley Jackson con il suo romanzo classe 1959 The Haunting of Hill House, in origine tristemente tradotto in Italia come La casa degli invasati. L’opera originale ha ben poco a che vedere con l’adattamento per i piccoli schermi, e dei protagonisti del libro, Eleanor, Theodora e Luke, vengono mantenuti solo i nomi e talune peculiarità. 

Curiosi certi easter egg inseriti nella serie e ispirati direttamente al romanzo, come il nome della secondogenita, Shirley, omonima quindi della scrittrice, e il cameo rivisitato del Dr. Montague, personaggio di rilievo nel libro che nella serie ritroviamo come ultimo, involontario, responsabile della tragica sorte di Nellie (Nellie deserved better!).

Dica quello che vuole il Dr. Montague, una casa non è solo una casa. Fin da bimbi ci si vede delle facce quando le si disegna. Per ovvi motivi generazionali mia nonna indentifica, per esempio, come il cuore di casa la cucina che riunisce tutta la famiglia. Sempre per questo motivo, quando ero piccolo mi diceva ‘vieni in casa’ anche se ero in soggiorno, perché per lei, e non solo per lei, quella stanza era ed è cuore e motore dell’appartamento.

Fear and Guilt are sisters. In molti hanno scovato nella logica degli eventi della serie Netflix l’incarnazione dei cinque stadi del lutto impersonificati dai cinque fratelli Crain secondo la seguente assegnazione, nonché in ordine di nascita:

Steve è il rifiuto. “I’ve seen a lot of ghosts. Just not the way you think“. Primogenito dei Crain, Steve è un personaggio col quale impari a entrare in empatia con il passare degli episodi e che ci viene presentato subito come colui che ha voltato le spalle alla sua famiglia, lucrando sul suicidio della madre, il delirio del padre e il dolore dei fratelli. 

steven-hill-house

Laddove il padre cerca di sistemare le cose, Steve ha sempre voluto dare una mano e riuscirà a farlo solo nel momento in cui ritroverà il coraggio per guardare negli occhi la realtà e accettare i fantasmi del passato.

Shirley è la rabbia. “Hill House would stay as it was until it was destroyed“. Sorella maggiore dopo Steve, anche Shirley ha vividi ricordi delle settimane passate a Hill House, molto meno limpidi quelli relativi alla tragica notte che ha cambiato per sempre le vite della famiglia Crain. 

shirley-wears-a-red-shirt-in-her-red-room-fantasy-dream_9xpv.620.jpg

Divorata dai sensi di colpa e dalla sensazione di impotenza, emozioni calcificate nel suo intimo e professionale rapporto con la morte, un rapporto che però è un involucro che nasconde il marcio dell’animo umano e, per l’appunto, i propri errori, Shirley reagisce con ira e rancore alle scelte e alle azioni intraprese dai fratelli. Un rabbia che trova il filo dell’aquilone nella sorella Theo, con la quale Shirley condivide, senza nemmeno accorgersene, i medesimi fardelli oltre che lo stesso indirizzo di casa.

Theo è la negoziazione.I don’t feel anything“. Sorella di mezzo, Theodora è tra i pochi Crain, insieme a Nellie e alla madre Olivia, a manifestare in maniera evidente capacità ESP. In particolare, Theo può, attraverso il tatto, intercettare i ‘segni del tempo’ di oggetti e persone. 

20181029-Jaa0XIZUHPUR5QFSBdMH

Theo è quindi un personaggio che vuole capire, vuole sentire qualcosa pur nascondendosi dietro un muro di mattoni che si è costruita da sola. Un muro che sarà in grado di abbattere solo quando scenderà anche lei a patti e a mani nude con i propri scheletri, convivendo prima con il ricordo di chi si è lasciata alle spalle, per poi accettare chi intende restarle affianco.

Luke è la depressione. “One. Two. Three. Four. Five. Six. Seven.”  Di tutti i personaggi e delle rispettive caratterizzazioni, Luke è quello che più tradisce il genere cui l’adattamento Netflix intende fare riferimento. Nel The Haunting of Hill House di Mike Flanagan, infatti, l’horror si declina a metafora di un dramma familiare, personale e, nel caso di Olivia Crain, mentale. 

hohh_104_unit_00042r

Sono personaggi come Luke ad avere reso il pacchetto più affascinante agli occhi del pubblico e di un autore come Stephen King, che già alle atmosfere create da Shirley Jackson afferma di dovere molto e al quale, a sua volta, la serie si rifà sotto più punti di vista (vogliamo parlare della Red room?).

5143444-6288265-High_praise_Stephen_King_71_took_to_Twitter_on_Tuesday_to_praise-a-38_1539816406037

Nellie è l’accettazione. It wouldn’t have changed anything. I need you to know that. Forgiveness is warm. Like a tear on a cheek. Think of that and of me when you stand in the rain. I loved you completely. And you loved me the same. That’s all. The rest is confetti“. Plot twist di metà stagione con la P maiuscola, Nellie meritava davvero di meglio.

Rimane tuttavia il fatto che il suo personaggio ha dato così tanto alla serie al punto di donarle quel tanto di cult che ci permette, oggi, di farne un’analisi così approfondita. Morta a partire dal primo episodio, Nellie non abbandona mai il piccolo schermo ed è sempre lì, onnipresente e immobile, siamo noi che non riusciamo/vogliamo vederla. 

1749985693001_5896137000001_5894328714001-vs

Nellie è sempre presente, anche una volta abbandonate le spoglie mortali rimane per mantenere uniti i pezzi della famiglia, la sua tazza di stelle, e combatte contro la follia omicida della Casa per portare in salvo tutti in nome dell’amore, del perdono e, per l’appunto, dell’accettazione. Come vedremo a breve parlando del finale, il sacrificio di Nellie raggiunge il culmine con la sua condanna a vagare in eterno nella Casa con la consapevolezza che chi ne è uscito vivo sta finalmente bene con sé stesso e con chi gli sta intorno.

And those who walk there, walk together. Nellie è tornata a Casa, ma non è più sola. Con lei c’è forse il miglior personaggio della serie, il padre Hugh (nella sua versione del passato interpretato da Henry Thomas, il bambino protagonista di E.T, e in quella presente dal Hugh Crain della versione cinematografica del 1999 intitolata The Haunting) e quello altrettanto controverso della madre Olivia.

Quello di The Haunting of Hill House è quello che definirei un happy ending a metà. I fratelli Crain, quelli vivi, hanno la possibilità di riprendere in mano le rispettive vite e andare avanti, mentre le anime intrappolate tra le stanze e i corridoi di Hill House restano condannate al loro status quo.

L’amore è perdita della logica, lo vediamo nella straziante storyline di Horace e Claire Dudley, ne abbiamo ulteriore conferma nel destino toccato proprio a Hugh e Nellie, riuniti in un abbraccio a una Liv comunque preda del proprio delirio, disposti quindi a tutto pur di liberare i restanti membri della famiglia e a donare una pur apparente pace all’amata madre e moglie.

In questo senso il finale di The Haunting of Hill House è un boccone amaro da mandar giù. Laddove la maggior parte dei fan si emozionano di fronte ai nuovi traguardi di vita dei fratelli Crain, io non riesco a togliermi dalla mente lo sguardo di Liv mentre Steve si allontana e la porta della Stanza rossa si chiude ai nostri occhi. Così come risulta parecchio difficile pensare agli altri fantasmi rimasti lì e a Poppy, la cui minaccia di fatto non è mai stata mai debellata.

In conclusione, consiglio The Haunting of Hill House anche ai non appassionati del genere, in quanto la serie è uno dei pochi esempi in cui qualche jumpscare qua e là non incide sullo spessore del racconto e i fantasmi sullo sfondo rimangono sullo sfondo. Una persona che non intende cercarli potrebbe finire la serie senza avere visto l’80% degli sguardi nell’ombra piazzati dietro l’angolo. Per chi invece ama la caccia e il brivido della paura … enjoy.

Ndr. The Haunting of Hill House di Shirley Jackson vive in numerose trasposizioni prima della serie Netflix, tra cui il film The Haunting del 1963 diretto da Robert Wise e l’omonima versione del 1999 già citata, ma anche rivisitazioni parzialmente accreditate come la miniserie Rose Red del 2002 dalla penna di Stephen King.

Blog su WordPress.com.

Su ↑